Profeta Daniele - Profezia Daniele - Daniele 11 - Daniele sette settimane - Apocalisse nella Bibbia | Ebooks e Manuali Gratuiti
Did you know you are using an outdated browser?

Daniele

Profezia

Stiamo vivendo dentro la Profezia degli Ultimi Tempi, la stessa è costruita su una “piattaforma” chiamata Apocalisse, la struttura profetica presenta 21 livelli, 7 x 3, 7 Sigilli + 7 Squilli di Trombe + 7 Coppe dell’Ira di Dio. Il primo e l’ultimo livello sono l’inizio e la fine dell’Apocalisse. Lo stesso arco temporale suddiviso in 21 periodi è descritto in Daniele 11 dal versetto 29 sino al versetto 1 del capitolo 12. Esattamente 18 versetti descrivono gli stessi eventi illustrati nei 21 periodi apocalittici. Ma per essere più precisi gli stessi accadimenti profetici vengono descritti in Matteo 24 dal versetto 4 al versetto 44. Esattamente 41 versetti descrivono gli stessi eventi illustrati nei 21 periodi apocalittici e in Daniele 11:29-44 e Daniele 12:1. Confrontare Matteo 24:44
«Perciò anche voi siate pronti, perché nell’ora che non pensate, il Figlio dell’uomo verrà».
con la scrittura di Daniele 12:1
«In quel tempo sorgerà Mikael, il gran principe, il difensore dei figli del tuo popolo».
Ma per dare più autorità alla profezia confrontiamo entrambe le sopra citate scritture con Apocalisse 19:11
«Poi vidi il cielo aperto, ed ecco apparire un cavallo bianco. Colui che lo cavalcava si chiama Fedele e Veritiero; perché giudica e combatte con giustizia».

Per concludere sia Daniele 11:29-44 sino a Daniele 12:1 + Matteo 24:4-44 + l’Intera Apocalisse, descrivono lo stesso arco temporale degli Ultimi Giorni.

Fine del Mondo

Il diluvio non decretò la fine del mondo, ma la fine di un mondo malvagio, tra il vecchio ed il nuovo non si verificò uno buco temporale, non si verificò una interruzione spazio/tempo ma tutto proseguì secondo dopo secondo unendo il passato malvagio al presente futuro ordinato avendo annientato il caos tramite il diluvio. Allo stesso modo ci sarà in futuro la fine di questo mondo malvagio, ma sarà la fine di un mondo corrotto ed il passaggio al nuovo regno di Gesù avverrà come ai giorni di Noè, questo mondo verrà purgato dal male, una parte di nazioni continueranno ad esistere, saranno quei popoli o uomini rimasti in vita durante il “purgatorio” o Apocalisse. Il trasferimento dal caos all’ordine di Gesù il Messia, non provocherà un vuoto spazio/tempo con il passato ma tutto continuerà essendo legato al secondo prima, il dopo è conseguenza di prima, questo che oggi è caos e malvagità, lascerà il posto all’ordine ed alla bontà per 1000 anni e dopo i 1000 anni verrà chiuso un ciclo di 7000 anni da Adamo nel punto di Origine dove l’Alfa e l’Omega sono la stessa essenza e significato istantaneo o eterno se il tempo non dovesse trascorrere.

Il Testo Biblico e la sua Interpretazione

Gli Antichi Manoscritti Biblici

Geremia 27:6,7

Geremia 27,6-7

Ed ora io ho dati tutti questi paesi in man di Nebucadnesar, re di Babilonia, mio servitore; e gli ho dato eziandio fino alle bestie delle campagna, acciocchè gli servano. E tutte le nazioni serviranno a lui, ed al suo figliuolo, ed al figliuolo del suo figliuolo, finchè venga ancora il tempo del suo paese; ed allora nazioni possenti, e re grandi, ridurranno ancora lui in servitù.

Secondo la Bibbia:

2Re 25:27

Or l’anno trentasettesimo della cattività di Gioiachin, re di Giuda, nel ventisettesimo giorno del duodecimo mese, Evilmerodac(Evil-Merodach), re di Babilonia, l’anno stesso ch’egli cominciò a regnare, facendo la rassegna della sua casa, vi mise Gioiachin, re di Giuda, e lo trasse di prigione;

Geremia 52:31

Or l’anno trentasettesimo della cattività di Gioiachin, re di Giuda, nel venticinquesimo giorno del duodecimo mese, Evilmerodac(Evil-Merodach), re di Babilonia, nell’istesso anno ch’egli cominciò a regnare, facendo la rassegna della sua casa, vi mise Gioiachin, re di Giuda, e lo trasse fuor di prigione.

Daniele 7:1

Nell’anno primo di Belsasar(Baldassar), re di Babilonia, Daniele vide un sogno, e delle visioni del suo capo, sopra il suo letto. Allora egli scrisse il sogno, e dichiarò la somma delle cose.

Daniele 8:1

Nell’anno terzo del regno del re Belsasar(Baldassar ), una visione apparve a me, Daniele, dopo quella chemi era apparita al principio.

Daniele 5:2

E Belsasar(Baldassar), avendo assaporato il vino, comandò che fossero portati i vasi d’oro e d’argento, che Nebucadnesar, suo padre, avea tratti fuor del Tempio, ch’era in Gerusalemme, acciocchè il re, e i suoi grandi, le sue mogli, e le sue concubine, vi bevessero dentro.

Daniele 5:30

In quella stessa notte Belsasar(Baldassar), re dei Caldei, fu ucciso.

 

Nello studio delle profezie ci si propone di descrivere con la massima obiettività il passato, il presente ed il futuro, a prescindere da sensazioni soggettive(appartenenza religiosa=descrizione soggettiva), ragion per cui le ipotesi devono presentare carattere di validità universale.

 (Pagina in Aggiornamento)

Meno di sette anni – Circa 7 Anni – 2300 sere e mattine – Duemilatrecento giorni – 2300 anni

Ipotesi

Potremmo avere un’altra conclusione che la settimana inizia con il “patto“, a metà della stessa viene abolito il sacrificio e viene posto l’idolo, da questo
momento in poi iniziano i 1290(1260) sino alla fine della settimana. Ma Daniele 12:12 dice beato chi arriva a 1335 giorni perciò i 1335 giorni iniziano sempre a metà settimana come i 1290 ma quello che il profeta probabilmente vuole indicare è la differenza tra 1335 e 1290, cioè 1335-1290=45 giorni dopo la fine della settimana. Ma abbiamo il solito problema di Daniele 8:14 che la parla di 2300 giorni che iniziano sempre a metà settimana. Ed in questo caso avremo sempre 1010 giorni dopo la settimana, che includono i 45 giorni prima indicati. A cosa si riferiscono questi 1010 giorni? Per armonizzare in questa ipotesi Daniele 7:25 con Daniele 8:14 con Daniele 12:12 ed con Apocalisse 11:2 e Apocalisse 13:5, dovremmo concludere che la persecuzione inizia a metà settimana quando viene posto l’idolo, l’abolizione del sacrifico e la persecuzione avvengono a metà settimana, però abbiamo 1010 giorni(inclusi i 45 giorni) oltre la settimana. Nel primo caso i 1010 giorni ed 1335 giorni sono fuori la settimana con una differenza tra i due dati di 325 giorni, però in questa seconda ipotesi sono 1010 giorni sono fuori la settimana. In questa ipotesi certamente la persecuzione è un evento legato alla desolazione(idolo) ed si verifica a metà settimana, e la stessa chiude la settimana profetica dopo 1290 giorni(1260 giorni – un tempo, dei tempi e la metà d’un tempo). Per concludere abbiamo diversi periodi:
1) Daniele 7:25 e Daniele 12:7 indicano un tempo, dei tempi e la metà d’un tempo probabilmente 1260 giorni
2) Daniele 8:14 indica 2300 giorni(per alcuni indica 1150 giorni)
3) Daniele 12:11 indica 1290 giorni
4) Daniele 12:12 indica 1335 giorni
5) Apocalisse 11:2 e 13:5 indicano 42 Mesi

La scrittura che porta alle diverse ipotesi è quella di Daniele 8:14 a causa dei 2300 giorni che iniziano a metà settimana.

Altra Ipotesi

I versetti che seguono si riferiscono agli ultimi giorni esattamente agli eventi  di Daniele 11:31-35 agli stessi eventi descritti in Matteo 24:9-16 ed a quelli di Apocalisse 13:6,7

Infatti il capitolo 8 di Daniele dopo avere spiegato il significato delle Bestie(Imperi del Mondo), arriva sino ad Alessandro Magno, spiega che dopo la sua morte l’Impero si dividerà in 4 parti, e subito dopo c’è uno scatto temporale sino al Tempo Stabilito(Daniele 11:29,30) ed al Tempo della Fine(Daniele 11:40). Dio tramite Daniele non si sofferma in quella parte della Profezia che segue la morte di Gesù sino al Tempo Stabilito, al contrario tratta nei particolari gli eventi dopo la morte di Alessandro Magno sino a Tiberio, Dio ci vuole far capire che la storia di oggi è legata ad un Punto di Applicazione, il quale punto è la divisione in 4 parti del Regno di Alessandro(Daniele 8:8), la morte del Messia(Daniele 9:25) determina la fine dei 490 anni dall’ editto di Ciro sino alla morte di Gesù con Tiberio a capo del Regno del Nord, ed dopo il profeta inizia nuovamente a descrivere i particolari quando giunge il Tempo Stabilito con relativa abolizione del sacrificio, segue la Desolazione e Persecuzione(Daniele 8:11). Infatti:

Daniele 8:8-14

e, in luogo di quello, sorsero quattro corna cospicue(quattro regni), verso i quattro venti del cielo. E dall’una d’esse uscì un piccolo corno(Anticristo), che diventò molto grande verso mezzogiorno, verso levante, e verso il paese splendido. S’ingrandì, fino a giungere all’esercito del cielo; fece cadere in terra parte di quell’esercito e delle stelle, e le calpestò(lo stesso evento è descritto nel 6° sigillo). S’elevò anzi fino al capo di quell’esercito, gli tolse il sacrifizio perpetuo(metà settimana, inizio 1290(1260) giorni sino alla desolazione), e il luogo del suo santuario fu abbattuto(Daniele 11:31-35 agli stessi eventi descritti in Matteo 24:9-16 ed a quelli di Apocalisse 13:6,7). L’esercito gli fu dato in mano col sacrifizio perpetuo a motivo della ribellione; e il corno gettò a terra la verità, e prosperò nelle sue imprese. Poi udii un santo che parlava; e un altro santo disse a quello che parlava:

‘Fino a quando durerà la visione del sacrifizio continuo e la ribellione che produce la desolazione, abbandonando il luogo santo e l’esercito ad esser calpestati?’ (Daniele 8:13-15)

Egli mi disse: ‘Fino a duemilatrecento sere e mattine(meno di 7 anni, 2300/364= 6,318 anni – 2300/365= 6,301 anni); poi il santuario sarà purificato’. Ma può essere 2300 anni, che contiene 2300 giorni o meglio può avere una doppia applicazione . Il Macro e Micro, macro profezia e micro profezia di una stessa profezia. Da notare che essendo l’abolizione del sacrificio evento alla metà della settimana, sappiamo che il”patto con molti” è fatto all’inizio della settimana, alla metà viene abolito il sacrificio e dopo 1290(1260) giorni c’è la desolazione. Se contiamo 2300 giorni dal sacrificio continuo i 2300 giorni terminano 1010 giorni dopo la settimana sopra indicata.

E’ possibile considerare la “Desolazione” come un evento ripetuto durante i millenni dalla prima volta che si è verificata con Antioco Epifane sino all’ultima che si verificherà. Per immaginare questa “Desolazione” pensiamo ad una Matrioska, sono tante figure in legno dentro una grande e Finale Situazione a Incastro, tutte le sculture inserite l’una dentro l’altra potrebbero rappresentare la stessa desolazione dentro un involucro spazio-tempo della storia d’Israele scultura finale compatta, la prima desolazione è la piccola scultura che rappresenta lo spazio-tempo(dalla prima desolazione), la seconda desolazione in una più grande e così via sino alla desolazione finale che determinerà la guerra di Armageddon dopo l’ultima desolazione indicata in Daniele 11:41

Daniele vuole conoscere quanto durerà questa visione, esattamente gli eventi riferiti all’Anticristo o piccolo corno, ma dobbiamo capire qual’è il Punto di Applicazione dei 2300 giorni, in quanto la desolazione essendo un evento ripetutosi più volte il punto di applicazione dell’arco temporale disegnato dai 2300 giorni potrebbe variare in base al punto di applicazione o punto di desolazione iniziale scelto.  l’Angelo di Dio dice 2300 sere e mattine. E’ indicato chiaramente un arco temporale di circa 7 anni comprende 1) il patto con molti – 2) Abolizione del Sacrificio – 3) Desolazione. Ma in base all’esempio della Matrioska sono 7 anni ma potrebbero indicare un arco temporale più lungo, un livello grande contiene dentro di se il sotto livello, ma in apparenza è una unica Desolazione con tante piccole desolazioni iniziando da quella di Antioco Epifane, la dimensione finale o ultima desolazione è l’Ultima Storia del Pianeta, ma se a questa risposta dell’Angelo incastriamo un altra domanda e risposta sempre attinente al periodo dell’Anticristo? Segue la domanda e la risposta:

Domanda: (Daniele 12:6)

Quando sarà la fine di queste cose straordinarie?

Risposta: (Daniele 12:7)

Questo durerà un tempo, dei tempi e la metà d’un tempo

Adesso uniamo la scrittura di Daniele 7:25 con Daniele 12:7:

Daniele 7:25 dice: un tempo, dei tempi e la metà d’un tempo

Daniele 12:7 dice: un tempo, dei tempi e la metà d’un tempo

Ma cosa si verifica esattamente in questo periodo? Cosa accade durante i 2300 giorni? Cosa accade nei 1290(1260) giorni o in 3 anni e mezzo, che viene indicato essere un arco temporale di inizio desolazione e beatificazione dei santi, che dura 1290(1260) giorni, il periodo completo dall’abolizione del sacrificio dura 2300 sere e mattine che comprende fase prima della desolazione(dall’abolizione del sacrificio sino alla desolazione abbiamo 1290(1260) giorni) ed è solo alla fine 1290 giorni o fine della settimana che inizia la desolazione(2300 giorni – 1290 giorni= inizio persecuzione), i 2300 giorni iniziano con l’abolizione del sacrificio e dopo 1290 giorni viene posta la desolazione, 2300 giorni – 1290 giorni= inizio persecuzione e trascorrono 1010 giorni dopo la persecuzione dei santi ma come bene affermato dalla scrittura di Daniele 7:25 che afferma che il popolo santo sarà dato in mano all’Anticristo per un tempo, dei tempi e la metà d’un tempo, il tempo trascorso dopo la desolazione dovrebbe essere 1290(1260) giorni. Perciò la settimana si chiude con Daniele 7:25. La settimana inizia con il “patto con molti“, a metà della stessa viene abolito il sacrificio, e trascorrono altri 1290 giorni prima che venga posta la desolazione, ed in base a Daniele 9:27 con la desolazione termina la settimana. Però i 2300 giorni iniziano diversamente da come indicato in Daniele 9:27 a metà settimana, iniziano dopo avere fatto il patto con l’abolizione del sacrificio, e durano 1010 giorni dopo che viene posta la desolazione.

Per capire cosa accade nei 1290(1260) giorni o in 3 anni e mezzo posizioniamo in parallelo le scritture:

Daniele 7:25 dice:

  1. Affliggerà i santi dell’Altissimo
  2. I santi saranno dati nelle sue mani(per 1290(1260) giorni)

Daniele 8:11 dice:

  1. Tolse il sacrificio quotidiano e sconvolse il luogo del suo santuario(metà settimana, inizio 1290 giorni prima della desolazione)
  2. Il sacrificio quotidiano abolito, la desolazione dell’iniquità(fine della settimana in base a Daniele 9:27 se confrontata con Daniele 12:11)

Daniele 9:27 dice:

  1. E in mezzo alla settimana(inizio dei 1290 giorni prima della desolazione) farà cessare sacrifizio e oblazione

Daniele 11:31 dice:

  1. Profaneranno il santuario, la fortezza, sopprimeranno il sacrifizio continuo

Daniele 12:11 dice:

  1. dal tempo in cui sarà abolito il sacrificio continuo e sarà eretta l’abominazione che causa la desolazione, vi saranno milleduecentonovanta giorni.

Apocalisse 11:2 dice:

  1. ma il cortile esterno del tempio, lascialo da parte, e non lo misurare, perché è stato dato alle nazioni, le quali calpesteranno la città santa per quarantadue mesi.

Apocalisse 13:5 dice:

  1. E le fu data potestà di operare per quarantadue mesi.(Daniele 7:25)
  2. E le fu dato di far guerra ai santi e di vincerli(13:7)(Daniele 7:25)

Perciò abbiamo la scrittura di Daniele 8:14, la quale dice che dovranno passare 2300 sere e mattine, e solo allora il santuario sarà purificato, ma dalla scrittura di Daniele 12:7 capiamo il periodo di persecuzione non inizia con l’abolizione del sacrificio quotidiano, ma dopo 1290 giorni quando viene eretto l’abominio della desolazione, ma la persecuzione prosegue secondo Daniele 12:12 per 1335 giorni, e secondo Daniele 8:14 per 1010 giorni in base al calcolo 2300-1290. Il periodo dalla desolazione alla fine della persecuzione è di 1335 giorni o poco più di 3 anni e mezzo o 1335 giorni, ed è qui che finiscono le 2300 sere e mattine però lo stesso si chiude dopo 1010 giorni dopo la desolazione. Ma noi sappiamo che 2300 – 1290 è uguale a 1010 giorni, perciò prima dell’abolizione del sacrificio ci sarà un periodo di 3 anni e mezzo in cui opererà l’Anticristo tramite un patto con molti, ma senza iniziare la persecuzione, la stessa inizierà dopo la desolazione alla fine della settimana,  e per 42 mesi la città santa sarà calpestata, sarà lo stesso periodo indicato dal Messia che indica il fuggire ai monti quando viene individuata la desolazione. I 42 mesi non iniziano dall’abolizione del sacrifico ma dopo la desolazione, la prova dura 1335 giorni secondo Daniele 12:12 o dura 1010 giorni(IPOTESI 2300-1290) secondo Daniele 8:14 e tutti i santi avranno subito il martirio. In ordine:

  1. Patto con Molti(inizio della settimana)
  2. Abolizione del Sacrificio(metà della settimana)
  3. Desolazione tramite un Idolo(fine della settimana)
  4. Martirio completato(fine dei 2300 giorni o 1335 giorni)

Da 1 a 2 = 1290 giorni, da 2 a 3 = 1290 giorni.(Daniele 12:11).

Ma la scrittura di Daniele 8:14 indica che dall’abolizione del sacrifico sino alla fine del martirio o fine persecuzione passeranno 2300 giorni. Ma Daniele 12:12 dice beati i santi che arriveranno a 1335 giorni. Perciò abbiamo:

  1. Abolizione Sacrificio sino a Desolazione 1290 giorni(Daniele 12:11)
  2. Abolizione Sacrificio sino alla fine della Persecuzione 2300 giorni(Daniele 8:14)
  3. Dalla Desolazione alla fine dell’attesa dei Santi 1335 giorni(Daniele 12:12)
  4. La scrittura di Apocalisse dice che la città santa sarà calpestata per 42 mesi

La scrittura di Daniele 9:27 offre questo ordine:

  1. Patto dell’Anticristo con molti, durante una settimana.
  2. In mezzo alla settimana farà cessare sacrifizio e oblazione

Perciò abbiamo un altra indicazione, a metà settimana viene abolito il Sacrificio, cioè dall’inizio trascorrono 1290 giorni prima che venga abolito il Sacrificio, ma sappiamo che dall’abolizione del Sacrificio alla Desolazione trascorrono altri 1290 giorni, però resta da chiarire se i 1335 giorni inizino 45 giorni prima della desolazione e dopo questa trascorrano 1290 dei 1335 giorni. Se così fosse, i 2300 giorni iniziando dalla abolizione del Sacrifico terminerebbero 1010 anni dopo la Desolazione.

Potremmo concludere che la settimana inizia con il “patto“, a metà della stessa viene abolito il sacrificio, da questo momento in poi iniziano i 1290  giorni prima della desolazione, l’inizio della settimana è il “patto”, la fine della settimana è l’idolo o desolazione. Ma Daniele 12:12 dice beato chi arriva a 1335 giorni, Daniele 7:25 dice che i santi saranno consegnati in mano per 1290(1260) giorni, ed Daniele 8:14 dice che la persecuzione terminerà dopo 2300 giorni. Per armonizzare Daniele 7:25 con Daniele 8:14 con Daniele 12:12 ed con Apocalisse 11:2 e Apocalisse 13:5, dovremmo concludere che la persecuzione inizia 280 giorni prima della desolazione, se non è così e facessimo armonizzare solo le scritture di Daniele 7:25 con Daniele 12:12 dovremmo concludere che inizia 45 giorni prima della desolazione(1335-1290), per far coincidere la fine almeno con un punto iniziale che è la desolazione o idolo. Al di la delle ipotesi certamente la persecuzione è un evento dopo la desolazione, e se la stessa chiude la settimana, l’inizio della persecuzione è dopo la desolazione o qualche anno prima. Se così non fosse dovremmo introdurre i 1290(1260) giorni di persecuzione indicati in Daniele 7:25 dentro la settimana, ma così facendo la persecuzione in base a Daniele 12:11 dovrebbe iniziare quando viene abolito il sacrificio, ma così facendo le parole di Gesù non trovano la giusta applicazione:

Matteo 24:15

Quando dunque avrete veduta l’abominazione della desolazione, della quale ha parlato il profeta Daniele, posta in luogo santo (chi legge pongavi mente),

Il Messia è chiaro fa iniziare la persecuzione dopo la desolazione, alla fine della settimana secondo Daniele 9:27 e Daniele 12:11.

Se così è esatto allora Daniele 7:25 con Daniele 8:14 con Daniele 12:12 con Apocalisse 11:2 e Apocalisse 13:5 devono essere armonizzate per la durata di 1290 giorni. Ma se così non è, Daniele 8:14 potrebbe coprire un arco temporale di 2300 anni con punto di applicazione di abolizione del sacrifico verificatosi nel passato.

La scrittura Daniele 8:14 fa durare 2300 giorni l’abolizione del sacrificio sino alla fine della persecuzione, 2300 giorni iniziano dall’abolizione del sacrificio e finiscono con la persecuzione, terminano dopo la settimana. 2300 giorni potrebbero essere 2300 anni. Una settimana dal Patto sino alla Desolazione potrebbe essere di 84 anni e non 84 mesi, ma 84 mesi sono 2580 giorni. Se sommiamo 1335 giorni a 1290 la somma è 2625 giorni ma il risultato è superiore a 2300 giorni. Ma il problema è che sia l’inizio dei 1290 giorni, sia l’inizio dei 2300 anni è l’abolizione del Sacrificio. E dopo 1290 giorni arriviamo alla Desolazione. Significa che sono trascorsi 1290 giorni dei 2300, ed a conclusione dei 2300 giorni mancano 1010 giorni. Dall’abolizione del Sacrificio alla Desolazione trascorrono 1290 giorni, e dopo 1010 giorni terminano i 2300 giorni. Ma Daniele 12:12 dice beato chi attende 1335 giorni dopo la Desolazione, ma se 1290 giorni sono metà settimana(3,5 anni), sicuramente 1335 sono metà settimana più(3,5 anni) + 45 giorni sempre che un tempo, dei tempi e la metà d’un tempo non corrispondano a 1335 giorni. I 2300 giorni terminano dopo la fine della settimana indicata in Daniele 9:27, o dopo i sette anni, o dopo 84 mesi, o dopo 84 anni, o dopo 2580 giorni(dal patto sino alla desolazione).

L’Apocalisse dice che la persecuzione inizia circa al 5 sigillo, e termina circa al 5° squillo di tromba. Al 6° squillo di tromba vengono sciolti i 4 angeli per disciplinare tutta l’umanità, al 7° squillo annuncia che nel mondo incomincia il Regno di Cristo, e ci fa capire che tra 6° ed il 7° squillo Satana viene scagliato sulla terra dopo il suo tentativo di non far suonare la settima tromba non volendo permettere a Gesù ed ai  santi di creare il Nuovo Regno.

Per riepilogare abbiamo 1290 giorni dall’abolizione del sacrificio alla Desolazione. 1335 giorni dalla Desolazione alla beatificazione di Santi. Per un totale di 2625 giorni. Però abbiamo un altro arco temporale di 2300 giorni dall’abolizione del sacrificio sino ad altro periodo, il quale è inferiore a 2625 giorni.

Capiamo che 2300 giorni comprendono eventi profetici che iniziano con l’abolizione del sacrificio sino alla fine del martirio. Da notare che sia i 1290 giorni di Daniele 12:11 che i 2300 giorni di Daniele 8:14 hanno lo stesso inizio, cioè abolizione del sacrificio e finiscono alla desolazione. Il martirio si conclude dopo 1335 giorni dopo la desolazione, ma tramite la differenza abbiamo 2300 -1290 = 1010 giorni e non 1335. Capiamo facilmente che l’origine coincide ma la fine no.

La scrittura di Matteo 24:15 dice:

Quando dunque avrete visto l’abominazione della desolazione, predetta dal profeta Daniele, posta nel luogo santo (chi legge intenda), allora coloro che sono nella Giudea fuggano ai monti.

Perciò all’inizio della settimana inizierà l’era o Regno dell’Anticristo, dopo 1290 giorni verrà abolito il sacrificio, dopo 1290 giorni sarà rizzata l’abominazione ed inizierà la persecuzione. In poche parole 2300 anni iniziano con l’abolizione del sacrificio mentre dopo 1290 giorni dall’abolizione del sacrificio verrà posizionata la desolazione. I 2300 giorni. 2300 t (TOTALE) – 1290 (PERIODO DALL’ABOLIZIONE ALLA DESOLAZIONE) = 1010 (PERSECUZIONE). Ma resta da capire la differenza tra 1335 e 1010 giorni riguardo alla durata della persecuzione. Nei 2300 giorni è inclusa la desolazione. Resta da capire come abbinare questi eventi ai sigilli ed agli squilli di tromba in quanto le stesse situazioni profetizzate da profeti diversi. Infatti al 5° squillo di tromba termina la persecuzione.

Ed ecco che, il Messia indica l’inizio dei 1290(1260) giorni o 3 anni e mezzo o 42 mesi, ma prima dell’inizio della persecuzione si concludono i 7 anni di Daniele 9:27 in quanto viene posto l’idolo orribile, ed è in questo periodo che il Messia consiglia di fuggire ai monti, il periodo dell’Anticristo dura più di 7 anni, o 2300 sere e mattine o 2625 giorni, ma secondo Daniele 8:14 solo dopo circa 1010 giorni finisce la persecuzione, mentre secondo Daniele 12:12 dura 1335 giorni.

Per capire ulteriormente possiamo prendere in considerazione un altra parte della Profezia, questa fa un altro salto temporale di millenni, da Ciro(Editto Riedificazione Gerusalemme) sino al Messia e dopo direttamente al Tempo della Fine. Da Ciro sino al Messia l’arco temporale è di 490 anni, dal Messia sino agli Ultimi Tempi sono migliaia di anni.

Dal seguito cercheremo di capire il significato dei 2300 giorni, Dio ci dice in Daniele 9:25,26:

Sappi adunque, ed intendi, che da che sarà uscita la parola, che Gerusalemme sia riedificata, infino al Messia, Capo dell’esercito, vi saranno sette settimane, e altre sessantadue settimane, nelle quali saranno di nuovo edificate le piazze, e le mura, e i fossi; e ciò, in tempi angosciosi. E dopo quelle sessantadue settimane, essendo sterminato il Messia senza, che gli resti più nulla, il popolo del Capo dell’esercito a venire distruggerà la città(Assedio di Gerusalemme da parte dei romani 70 d.C.), e il santuario; e la fine di essa sarà con inondazione, e vi saranno desolazioni determinate(esempio della Matrioska prima indicato) infino al fine(Ecco il salto temporale agli Ultimi Tempi) della guerra.

Infatti il seguito della scrittura Daniele 9:27 dice:

Daniele 9,27(Ecco il salto temporale agli Ultimi Tempi)

Egli stabilirà un patto con molti, per una settimana; in mezzo alla settimana(inizio dei 2300 giorni e dei 1290 giorni – Abolizione del Sacrificio – 3 anni e mezzo – milleduecentonovanta giorni) farà cessare sacrificio e offerta; sulle ali delle abominazioni(fine dei 1290 giorni perciò fine della settimana) verrà un devastatore(dopo la fine dei 1290 giorni – Daniele 11:31-35 agli stessi eventi descritti in Matteo 24:9-16 ed a quelli di Apocalisse 13:6,7)(Anticristo). Il devastatore commetterà le cose più abominevoli, finché la completa distruzione, che è decretata, non piombi sul devastatore”».

Altra Ipotesi

Potremmo avere un’altra conclusione che la settimana inizia con il “patto“, a metà della stessa viene abolito il sacrificio e viene posto l’idolo, da questo
momento in poi iniziano i 1290(1260) sino alla fine della settimana. Ma Daniele 12:12 dice beato chi arriva a 1335 giorni perciò i 1335 giorni iniziano sempre a metà settimana come i 1290 ma quello che il profeta probabilmente vuole indicare è la differenza tra 1335 e 1290, cioè 1335-1290=45 giorni dopo la fine della settimana. Ma abbiamo il solito problema di Daniele 8:14 che la parla di 2300 giorni che iniziano sempre a metà settimana. Ed in questo caso avremo sempre 1010 giorni dopo la settimana, che includono i 45 giorni prima indicati. A cosa si riferiscono questi 1010 giorni? Per armonizzare in questa ipotesi Daniele 7:25 con Daniele 8:14 con Daniele 12:12 ed con Apocalisse 11:2 e Apocalisse 13:5, dovremmo concludere che la persecuzione inizia a metà settimana quando viene posto l’idolo, l’abolizione del sacrifico e la persecuzione avvengono a metà settimana, però abbiamo 1010 giorni(inclusi i 45 giorni) oltre la settimana. Nel primo caso i 1010 giorni ed 1335 giorni sono fuori la settimana con una differenza tra i due dati di 325 giorni, però in questa seconda ipotesi sono 1010 giorni sono fuori la settimana. In questa ipotesi certamente la persecuzione è un evento legato alla desolazione(idolo) ed si verifica a metà settimana, e la stessa chiude la settimana profetica dopo 1290 giorni(1260 giorni – un tempo, dei tempi e la metà d’un tempo). Per concludere abbiamo diversi periodi:
1) Daniele 7:25 e Daniele 12:7 indicano un tempo, dei tempi e la metà d’un tempo probabilmente 1260 giorni
2) Daniele 8:14 indica 2300 giorni(per alcuni indica 1150 giorni)
3) Daniele 12:11 indica 1290 giorni
4) Daniele 12:12 indica 1335 giorni
5) Apocalisse 11:2 e 13:5 indicano 42 Mesi

La scrittura che porta alle diverse ipotesi è quella di Daniele 8:14 a causa dei 2300 giorni che iniziano a metà settimana.

Daniele 7:25

E proferirà parole contro all’Altissimo, e distruggerà i santi dell’Altissimo; e penserà di mutare i tempi, e la Legge; e i santi gli saran dati nelle mani fino ad un tempo, più tempi, e la metà d’un tempo(3 anni e mezzo – milleduecentonovanta giorni – 42 mesi)

Daniele 12:11

Dal momento in cui sarà abolito il sacrificio quotidiano e sarà rizzata l’abominazione della desolazione, passeranno milleduecentonovanta giorni.

Apocalisse 11:2 dice:

  1. ma il cortile esterno del tempio, lascialo da parte, e non lo misurare, perché è stato dato alle nazioni, le quali calpesteranno la città santa per quarantadue mesi.

Apocalisse 13:5

E le fu data una bocca che proferiva parole arroganti e bestemmie. E le fu dato potere di agire per quarantadue mesi.

Dio ci indica ulteriori dettagli:

Daniele 8:22-26

Quanto al corno spezzato, al cui posto ne son sorti quattro, questi sono quattro regni che sorgeranno da questa nazione, ma non con la stessa sua potenza. E alla fine del loro regno( i piedi di ferro e argilla della statua del sogno di Nabucodonosor), quando i ribelli avranno colmato la misura delle loro ribellioni, sorgerà un re dall’aspetto feroce(Anticristo), ed esperto in stratagemmi. La sua potenza sarà grande, ma non sarà potenza sua; egli farà prodigiose ruine, prospererà nelle sue imprese, e distruggerà i potenti e il popolo dei santi(1260)(Periodo dopo i 1290 giorni – Daniele 11:31-35 agli stessi eventi descritti in Matteo 24:9-16 ed a quelli di Apocalisse 13:6,7, siamo al 5° Sigillo, ancora alla prima delle 3 fasi dell’Apocalisse). A motivo della sua astuzia farà prosperare la frode nelle sue mani; s’inorgoglirà in cuor suo, e in piena pace distruggerà molta gente; insorgerà contro il principe de’ principi, ma sarà infranto, senz’opera di mano. E la visione delle sere e delle mattine, di cui è stato parlato, è vera. Tu tieni segreta la visione, perché si riferisce a un tempo lontano‘. E io, Daniele, svenni, e fui malato vari giorni; poi m’alzai, e feci gli affari del re. Io ero stupito della visione, ma nessuno se ne avvide.

Dio ci indica ulteriori dettagli in Daniele capitolo 7:6

Poi io riguardava, ed eccone un’altra, simigliante ad un pardo, la quale avea quattro ale d’uccello in sul dosso(4 regni dopo Alessandro Magno); e quella bestia avea quattro teste(4 regni dopo Alessandro Magno), e le fu data la signoria.

Daniele 7:8

Io poneva mente a queste corna, ed ecco un altro corno piccolo saliva fra quelle, e tre delle prime corna furono divelte d’innanzi a quello; ed ecco, quel corno avea degli occhi simiglianti agli occhi d’un uomo, ed una bocca che proferiva cose grandi(Anticristo).

Daniele 7:21

Io avea riguardato, e quel corno faceva guerra co’ santi(Daniele 11:31-35 agli stessi eventi descritti in Matteo 24:9-16 ed a quelli di Apocalisse 13:6,7), e li vinceva;

In seguito Dio, in Daniele capitolo 11, spiega gli eventi dell’Arco Temporale, che i precedenti capitoli non avevano descritto, più esattamente Daniele capitolo undici descrive gli eventi dalla caduta di Alessandro a seguire i contrasti tra il Regno del Sud e Regno del Nord sino all’Impero Romano soprattutto da Pompeo sino a Tiberio, dopo ritroviamo una nuova pausa(sempre dopo la morte del Messia periodo di Tiberio), e dopo una ripresa della storia non facile da collocare, però possiamo affermare che nel Tempo Stabilito descritto in Daniele 11:29,30 non siamo ancora arrivati, perciò quello prima di Daniele 11:29,30 deve essere applicato al Passato o al Presente perchè il Futuro sicuramente è Daniele 11:29,30.

Vedi la Guerra dei Due Mondi

Da prendere seriamente in considerazione la scrittura Apocalisse 6:12,13 è il 6° sigillo, dice:

Poi vidi quand’ebbe aperto il sesto suggello: e si fece un gran terremoto; e il sole divenne nero come un cilicio di crine, e tutta la luna diventò come sangue; e le stelle del cielo caddero sulla terra come quando un fico scosso da un gran vento lascia cadere i suoi fichi immaturi.

Sicuramente il 6° sigillo illustra situazioni che si verificheranno dopo la fine della settimana, dopo i 1290 giorni, perchè essendo iniziato il martirio durante il 5° sigillo, nel 6° sigillo l’umanità ed il Potere avvertirà la presenza di Gesù e degli angeli, e vedrà l’inizio delle forze della natura, le forze celesti, in poche parole l’uomo verrà visitato dall’ira di Dio ma ancora prima che l’Apocalisse termini la strada è lunga.

Confrontiamo Apocalisse 6:12,13 con Daniele 8:10

S’ingrandì, fino a giungere all’esercito del cielo; fece cadere in terra parte di quell’esercito e delle stelle.

Ancora confrontiamola con Apocalisse 12:4

Apocalisse 12:7,8 Dopo il settimo squillo di Tromba

E vi fu battaglia in cielo: Michele e i suoi angeli combatterono col dragone, e il dragone e i suoi angeli combatterono, ma non vinsero, e il luogo loro non fu più trovato nel cielo(capiamo che prima di questa guerra Satana poteva risiedere in cielo). E il gran dragone, il serpente antico, che è chiamato Diavolo e Satana, il seduttore di tutto il mondo, fu gettato giù; fu gettato sulla terra, e con lui furon gettati gli angeli suoi. Possiamo concludere che Apocalisse 12:7,8 descrive gli eventi dopo il 7° Squillo di Tromba, ed ci fa capire che quello descritto in Daniele 8:10 potrebbe applicarsi sia al 6° sigillo che dopo il 6° Squillo di Tromba. Ricordiamoci che il 5° sigillo apre il periodo del martirio, e si chiude tra la fine del 5° ed l’inizio del 6° squillo di tromba,  tra il il 5° ed il 6° sigillo durante l’inizio della persecuzione dei santi c’è una prima presenza di Gesù, ma i livelli dell’Apocalisse da adempirsi sono ancora 15, la persecuzione termina durante il 5° Squillo di Tromba ed i livelli dell’Apocalisse ancora da adempiersi dopo ciò sono 8. La scrittura di Daniele 11:36 che dice:

Il re agirà a suo piacimento, s’innalzerà, si esalterà al di sopra di ogni dio e pronuncerà parole inaudite contro il Dio degli dèi; prospererà finché non sia finita l’ira, poiché ciò che è stato deciso si compirà.

Da soffermarci all’inizio della Settimana, l’inizio è individuato dal patto dell’Anticristo descritto in Daniele 9:27 che dice:

Egli stringerà una forte alleanza con molti
per una settimana…

Ma Daniele 11:30 indica lo stesso periodo storico profetico dicendo:

e nel suo ritorno se la intenderà con coloro che avranno abbandonato la santa alleanza.

Avviciniamo le espressioni:

  1. stringerà una forte alleanza con molti
  2. nel suo ritorno se la intenderà con coloro

Il seguito di entrambe le scritture conferma che è lo stesso periodo storico, sarà il lettore a confrontare il proseguimento delle scritture.

Riflettiamo: la scrittura di Daniele 11:36 dice che prospererà, ma non sarà distrutto subito, solo alla fine dell’ira di Dio.

La sua coda trascinava la terza parte delle stelle del cielo e le scagliò sulla terra.
Il dragone si pose davanti alla donna che stava per partorire, per divorarne il figlio, non appena l’avesse partorito. Tra il 6° ed il 7° Squillo di Tromba.

Abbiamo la conferma che al 6° sigillo si verifica quello descritto in Daniele 8:10, inizia la persecuzione o periodo dell’Anticristo con l’inizio della battaglia prima della guerra finale tra Anticristo e Gesù, ma secondo le scritture la caduta di Satana e degli Angeli ribelli sulla Terra si verifica dopo la persecuzione dei Santi, cioè al 7° Squillo di Tromba.

Infatti la scrittura di Apocalisse 12:13 dice:

E quando il dragone si vide gettato sulla terra, perseguitò la donna che avea partorito il figliuolo maschio.

Secondo l’Apocalisse il figlio maschio sono i 144.000 che regneranno con Gesù in poche parole la struttura governativa del Regno di Gesù, se Satana viene gettato dopo la persecuzione, e la scrittura è chiara in quanto dice il figlio maschio era stato già partorito, deduciamo che l’Anticristo è attivo prima della caduta di Satana, ma chiaramente è così in quanto la scrittura di Daniele 9:27 e tante altre spiegano che l’Anticristo farà un Patto con molti 1 settimana prima della desolazione,  inoltre la scrittura prosegue con ulteriori dettagli.

Infatti la scrittura di Apocalisse 12:17 dice:

E il dragone si adirò contro la donna e andò a far guerra col rimanente della progenie d’essa, che serba i comandamenti di Dio e ritiene la testimonianza di Gesù.

Se i santi sono figli della donna, la donna potrebbe essere un popolo. Se il Messia è nato da un popolo, se Gesù è della progenie di Davide, se Davide è della progenie di Abraamo, anche chi crede in Gesù è della progenie del popolo in quanto tutti da Abraamo sino a Gesù sono progenie d’essa.

Ed ecco che Satana non potendo più perseguitare i Santi ricordiamoci che all’inizio della settimana il Patto dell’Anticristo è fatto con loro o meglio con una parte di essi che amano il profitto più che il Creatore, in seguito Satana si adirerà anche contro i sudditi del Regno, sudditi che vengono descritti come quelli che:

serbano i comandamenti di Dio e ritiene la testimonianza di Gesù.

Anche la scrittura di Luca 10:18 dice:

Ed egli disse loro: Io mirava Satana cader dal cielo a guisa di folgore.(settimo squillo di tromba)

Ora secondo l’Apocalisse la caduta di Satana avviene dopo lo squillo della settima tromba, al 5° sigillo iniziano i piani della Persecuzione. Dopo il 5° squillo di tromba termina la Persecuzione( che se poniamo essere durata 42 mesi o 42 anni è iniziata al 5° Sigillo), come prima detto se Daniele indica il periodo di Persecuzione di 1335 giorni, probabilmente il periodo descritto in Daniele ampiamente prima descritto coincide con il periodo tra il 5° e 6° Sigillo e il 5° Squillo di Tromba, durante il quale  si verificherà la persecuzione dei Santi. Resta da capire se sono 42 mesi o 42 anni.

E tutto sembra chiaro, in quanto secondo Daniele la Profezia non termina dopo la Persecuzione, infatti questo periodo sia da Daniele che da Gesù non viene indicato come la fine, ed l’Apocalisse prosegue infatti:

Daniele in 11:29,30  dice: Al Tempo Stabilito 

Daniele in 11:40 dice: E al Tempo della Fine

Gesù dice Matteo 24:3: Dicci:

  1. Quando avverranno queste cose
  2. Il segno della tua venuta
  3. Il segno della fine dell’età presente

Gesù dice in Matteo 24:6 dice:

ma non sarà ancora la fine(confronta con Daniele 11:40) o meglio sarà il Tempo Stabilito descritto in Daniele 11:29,30

l’Apocalisse continua dopo il 5° squillo di tromba, infatti il 6° squillo dice che verranno sciolti i 4 angeli dovranno uccidere la terza parte degli uomini,

Apocalisse 7:1

Dopo ciò, vidi quattro angeli che stavano ai quattro angoli della terra, e trattenevano i quattro venti, perché non soffiassero sulla terra, né sul mare, né su alcuna pianta.

Matteo 24:31

E manderà i suoi angeli con gran suono di tromba per riunire i suoi eletti dai quattro venti, da un capo all’altro dei cieli.

Questa scrittura è molto importante perchè ci fa capire, che durante gli squilli di tromba la persecuzione è ancora in atto, e finisce come prima descritto alla fine del 5° inizio del 6° squillo. E’ impressionante come la scrittura di Matteo 24:31 e Apocalisse siano coordinate.

Apocalisse 7:3(durante la persecuzione)

«Non devastate né la terra, né il mare, né le piante, finché non abbiamo impresso il sigillo del nostro Dio sulla fronte dei suoi servi».

Apocalisse 9:4(durante la persecuzione)

E fu detto loro di non danneggiare l’erba della terra, né la verdura, né gli alberi, ma solo gli uomini che non avessero il sigillo di Dio sulla fronte.

Matteo 24:22

Se quei giorni non fossero stati abbreviati, nessuno scamperebbe; ma, a motivo degli eletti, quei giorni saranno abbreviati.

Apocalisse 9:14(6° squillo di tromba)

E diceva al sesto angelo che aveva la tromba: «Sciogli i quattro angeli incatenati sul gran fiume Eufràte».

inoltre la Profezia prosegue sino al settimo squillo, descrivendo la nascita del Regno di Gesù e la caduta di Satana dal cielo. Ripeto siamo al 7° squillo di tromba. La Profezia di Daniele 11 prosegue, la Profezia di Gesù prosegue.

Dopo il 7° Squillo di Tromba

Satana dopo essere scacciato dal cielo probabilmente continuerà la persecuzione contro la progenie della donna o meglio contro quelli serbano i comandamenti di Dio e ritiene la testimonianza di Gesù(Apocalisse 12:17) , ecco perchè la scrittura di Apocalisse 12:12  dice:

Perciò rallegratevi, o cieli, e voi che abitate in essi. Ma guai a voi, abitanti della terra e del mare, perché il diavolo è sceso a voi con grande ira, sapendo di aver poco tempo».

Il Diavolo scende sulla terra, siamo ripeto agli eventi che seguono il 7° squillo di Tromba, e finita la persecuzione degli eletti ma la persecuzione verso i fedeli in Gesù o progenie della donna continua,

Infatti la scrittura di Apocalisse 12:17 dice:

E il dragone si adirò contro la donna e andò a far guerra col rimanente della progenie d’essa, che serba i comandamenti di Dio e ritiene la testimonianza di Gesù.

ma prima della seconda persecuzione per capirci i santi sono stati uccisi, Satana è stato scacciato sulla Terra, ed si oppone a chi testimonia Gesù, ricordiamoci che sulla Terra si era verificata la guerra profetica di Daniele 11:29,30 – Matteo 24:7,8, che è posizionata tra l’apertura del 1° e 5° sigillo, i 4 cavalieri dell’Apocalisse, probabilmente il piccolo corno prima che diventi Anticristo, cioè prima che Satana venga gettato sulla Terra, è un condottiero come tanti altri ma all’inizio piccolo, prima che diventi Anticristo parteciperà alle guerre profetizzate in Daniele 11:29,30 – Matteo 24:7,8, la scrittura di Daniele 11:30 conferma che il Patto con coloro che avranno abbandonato la santa alleanza viene stipulato dopo questa guerra globale, infatti Daniele e Gesù parlano di guerre come inizio dei dolori, l’uomo della perdizione è sulla terra ma non è ancora iniziata la settimana di Daniele 9:27, è un uomo sicuramente che promette bene, vero che avrà capacità straordinarie:

S’ingrandì, fino a giungere all’esercito del cielo; fece cadere in terra parte di quell’esercito e delle stelle.

Daniele 8:24

La sua potenza crescerà(significa che all’inizio è piccola come lo è un piccolo corno), ma non per sua propria forza;

2 Tessalonicesi 2:9

La venuta di quell’empio avrà luogo, per l’azione efficace di Satana, con ogni sorta di opere potenti, di segni e di prodigi bugiardi.

l’Anticristo sarà un adoratore di Satana tale che quasi simbolicamente fosse suo figlio ricevendo ispirazione efficace proprio da Satana, non conosciamo quali altri mezzi Satana userà per possedere quel piccolo corno, sicuramente gli angeli hanno sistemi di controllo raffinati, e Satana sia prima che dopo, che venga gettato sulla terra, al suo prescelto donerà poteri spirituali.

Possiamo affermare che l’Anticristo esisteva prima come un piccolo corno, prima di diventare grande, l’Anticristo sarà un piccolo corno anche se con caratteristiche particolari(aspetto feroce, ed esperto in stratagemmi) Daniele 8:23,24:

E alla fine del loro regno, quando i ribelli avranno colmato la misura delle loro ribellioni, sorgerà un re dall’aspetto feroce, ed esperto in stratagemmi. La sua potenza sarà grande, ma non sarà potenza sua; egli farà prodigiose ruine, prospererà nelle sue imprese, e distruggerà i potenti e il popolo dei santi.

durante la grande guerra di Daniele 11:29,30 e solo al sesto sigillo vedremo l’opera dell’Anticristo durante la settimana e dopo la fine di questa e dopo la scacciata di Satana dal cielo.

Tempo della Fine(pagina web sempre in aggiornamento)

Prima abbiamo detto:

Ora secondo l’Apocalisse la caduta di Satana avviene dopo lo squillo della settima tromba, alla fine del 5° sigillo inizia la Persecuzione. ed alla fine del 5° squillo di tromba termina la Persecuzione, come prima detto se Daniele indica il periodo di Persecuzione duri 1335 giorni dopo la desolazione, probabilmente il periodo indicato in Daniele ampiamente prima descritto coincide con il periodo che va dal 5° e il 6° Sigillo al 6° Squillo di Tromba periodo che comprende l’ inizio e la fine della persecuzione dei Santi o Eletti, tale periodo dura 42 mesi o 42 anni di durata.

Secondo Daniele la Profezia non termina dopo la Persecuzione, infatti questo periodo sia da Daniele che da Gesù non viene indicato come la fine, ed l’Apocalisse prosegue infatti:

Daniele in 11:29,30  dice: Al Tempo Stabilito 

Daniele in 11:40 dice: E al Tempo della Fine

Gesù in dice Matteo 24:3: Dicci:

  1. Quando avverranno queste cose
  2. Il segno della tua venuta
  3. Il segno della fine dell’età presente

Gesù dice in Matteo 24:6 dice:

ma non sarà ancora la fine o meglio sarà il Tempo Stabilito descritto in Daniele 11:29,30

Se noi dovessimo considerare il Tempo Profetico come un arco di una Circonferenza, tracciamo un arco da Daniele 11:40, punto B, sino alla Settima Coppa dell’Apocalisse punto C. Nel Tempo Profetico delimitato dai punti B-C cosa accade? Non dimentichiamo che il punto A è il Tempo Stabilito, A-B è il tratto del Tempo Profetico che va dal Tempo Stabilito sino al Tempo della Fine, o Arco Profetico Temporale da Daniele 11:29,30 sino a Daniele 11:40.

Nel Tempo Profetico delimitato dai punti B-C cosa accade?

Ed ecco che ci viene in aiuto la Profezia di Ezechiele 37,38

E come se tutto fosse iniziato nell’Origine con Adamo ed Eva, e dopo avere raggiunto nuovamente l’Origine il Periodo terminerà, dopo avere fatto un giro completo che durerà probabilmente 7 mila anni. Dopo 7 mila anni, incluso il millennio, l’Alfa e l’Omega si incontreranno per generare un nuovo Inizio o seconda GENESI.

Altri dettagli:

Inoltre la desolazione descritta in Daniele 11:31 è posteriore a quella di Antioco IV, infatti se fosse riferita ad Antioco IV non si spiega perchè la scrittura di Daniele 11:22 viene riferita a Gesù, Gesù muore dopo Antioco IV, decenni dopo. Se gli eventi descritti in Daniele 11:22 sono riferiti ad eventi dopo la desolazione di Antioco IV, deduciamo che gli eventi descritti in Daniele 11:31 non sono collegati alla Desolazione di Antioco IV, ma posteriori sia ad Antochio che a Gesù.

Che si riferisca ad eventi futuri è confermato dalle parole “Tempo Stabilito” di Daniele 11:29,30 ed dalle parole “Inizio della Fine” di Matteo 24:6. La persecuzione degli eletti descritta chiaramente in Daniele 11:31-35 è quella finale della storia umana, e non una prima e dopo, è chiaramente confermato da Daniele 11:35 che dice:

E di que’ savi ne saranno abbattuti alcuni, per affinarli, per purificarli e per imbiancarli sino al tempo della fine, perché questa non avverrà che al tempo stabilito.

L’arco temporale tra Tempo Stabilito e inizio Tempo della Fine, racchiude eventi dall’inizio di guerre globali, il Patto con l’Anticristo(Inizio della Settimana) o condottiero del Regno del Nord, abolizione del Sacrificio(Metà della Settimana), dopo viene posta la Desolazione(Fine della Settimana) e relativo inizio del martirio degli eletti che durerà probabilmente tre anni e mezzo. Dopo il martirio inizierà il Tempo della Fine.

Infatti se sovrapponiamo le scritture di Daniele 11:29

Al tempo stabilito, egli marcerà di nuovo contro il mezzogiorno; ma quest’ultima volta la cosa non riuscirà come la prima;

con Matteo 24:7

Poiché si leverà nazione contro nazione e regno contro regno….ma tutto questo non sarà che principio di dolori.

Tempo Stabilito e Principio dei Dolori si riferiscono a Guerre Globali.

Ma diremo…le guerre ci sono sempre state, la sovrapposizione può essere speculare. Ma se continuiamo a sovrapporre altre scritture capiremo che si riferiscono allo stesso evento.

Infatti se sovrapponiamo le scritture di Daniele 11:29

Delle forze mandate da lui si presenteranno e profaneranno il santuario, la fortezza, sopprimeranno il sacrifizio continuo, e vi collocheranno l’abominazione, che cagiona la desolazione. E per via di lusinghe corromperà quelli che agiscono empiamente contro il patto; ma il popolo di quelli che conoscono il loro Dio mostrerà fermezza, e agirà. E i savi fra il popolo ne istruiranno molti; ma saranno abbattuti dalla spada e dal fuoco, dalla cattività e dal saccheggio, per un certo tempo. E quando saranno così abbattuti, saran soccorsi con qualche piccolo aiuto; ma molti s’uniranno a loro con finti sembianti. E di que’ savi ne saranno abbattuti alcuni, per affinarli, per purificarli e per imbiancarli sino al tempo della fine, perché questa non avverrà che al tempo stabilito.

con Matteo 24:9-31

Allora vi getteranno in tribolazione e v’uccideranno, e sarete odiati da tutte le genti a cagion del mio nome. E allora molti si scandalizzeranno, e si tradiranno e si odieranno a vicenda. E molti falsi profeti sorgeranno e sedurranno molti. E perché l’iniquità sarà moltiplicata, la carità dei più si raffredderà. Ma chi avrà perseverato sino alla fine sarà salvato.

Quando dunque avrete veduta l’abominazione della desolazione….

 Ritorniamo alla scrittura di Daniele 11:35 ed analizziamola:

E di que’ savi(vedi Matteo 24:22 e Matteo 24:31) ne saranno abbattuti alcuni, per affinarli, per purificarli e per imbiancarli sino al tempo della fine, perché questa non avverrà che al tempo stabilito.

Dopo queste parole che indicano il termine del martirio degli eletti, la Profezia continua e descrive altri eventi, descrive gli eventi della Fine, la conferma è data dalla scrittura di Daniele 11:40 che dice:

E al tempo della fine, il re del mezzogiorno verrà a cozzo con lui; e il re del settentrione gli piomberà addosso come la tempesta, con carri e cavalieri, e con molte navi; penetrerà ne’ paesi e, tutto inondando, passerà oltre.

Questa scrittura predice un altra guerra oltre quella di Daniele 11:29,30, che come abbiamo visto segna l’inizio del Tempo Stabilito, mentre Daniele 11:40 descrive una guerra successiva che segna l’inizio della Fine.

L’Apocalisse racchiude nelle 21 fasi descritte dai Sigilli, dalle Trombe e dalle Coppe. Abbiamo 3 livelli ed ogni livello ha 7 sottolivelli per un totale di 3×7 = 21 sequenze profetiche. L’apocalisse racchiude gli eventi della Storia Umana descritti in Daniele da versetto 11:29,30 sino a Daniele 12:1, e descritti in Matteo 24:4-43

Quale arco temporale racchiudono le sequenze profetiche descritte in Daniele 11:29,30 sino a Daniele 12:11? Probabilmente decenni.

Per concludere sovrapponiamo la scrittura di Daniele 12:1

E in quel tempo sorgerà Micael, il gran capo, il difensore de’ figliuoli del tuo popolo;

con Matteo 24:44

Perciò, anche voi siate pronti; perché, nell’ora che non pensate, il Figliuol dell’uomo verrà.

E capiremo che le scritture di Daniele da 11:29-30 a Daniele 12:1,  gli eventi descritti in Matteo 24:4-43, e le 21 sequenze dell’Apocalisse descrivono tutte lo stesso Periodo Profetico.

Altra Ipotesi

La spiegazione delle 2300 sere e mattine può indicare un periodo che incomincia con l’inizio della Settimana o accordo con l’Anticristo, sino alla consacrazione dei santi. Però se 1290 giorni sono metà settimana, la settimana completa dura 2580 giorni. Inoltre se 1335 giorni si sovrappongono ai 1290 giorni che iniziano a metà settimana, il periodo della settimana ha una durata di 2580 giorni, ed in più 45 giorni(1335-1290), per un totale di 2625 giorni. Riepiloghiamo, la scrittura di Daniele 8:24-26 indica 2300 giorni, le altre scritture di Daniele indicano un periodo di 2625 giorni(1290*2+(1335-1290)). Però i 2300 giorni terminano prima come ovvio dei 2625 giorni. La differenza è di 325 giorni. Perciò la fine dei 2300 giorni possono indicare il momento in cui l’Anticristo verrà spezzato senza intervento di mano d’uomo(Daniele 8:25), oppure la purificazione del santuario grazie al suggellamento dei santi. Come detto i 325 giorni seguono il 2300° giorno. Probabilmente durante i 2625 giorni esattamente al 2300° giorno si verificherà un evento importante, uno di quelli o entrambi, prima indicati. Non dimentichiamo che al completamento del suggellamento vengono «Sciolti i quattro angeli incatenati sul gran fiume Eufràte»(sesto squillo di tromba). Però anche al 2625° giorno si dovrebbe verificare qualche altro evento straordinario, ed questo evento dovrebbe essere il suono della Grande Tromba, come indicato in:

1Corinzi 15:52

in un momento, in un batter d’occhio, al suono dell’ultima tromba. Perché la tromba squillerà, e i morti risusciteranno incorruttibili, e noi saremo trasformati.

Le ipotesi sono tante, ma sembra di capire il periodo ha una durata di una settima e 45 giorni, cioè 2625 giorni, ovvero 1290(metà settimana) + 1290(metà settimana) + 45 giorni(1335-1290).
Resta da capire al di là delle ipotesi che durata temporale hanno gli avvenimenti descritti da Daniele 11:29,30 sino a Daniele 12:1.

Ulteriore Ipotesi

La spiegazione delle 2300 sere e mattine può indicare un periodo che incomincia con l’inizio della Settimana o accordo con l’Anticristo, sino alla consacrazione dei santi. Però se 1290 giorni sono metà settimana, la settimana completa dura 2580 giorni. Inoltre se 1335 giorni si sovrappongono ai 1290 giorni che iniziano a metà settimana, il periodo della settimana ha una durata di 2580 giorni, ed in più 45 giorni(1335-1290), per un totale di 2625 giorni. Riepiloghiamo, la scrittura di Daniele 8:24-26 indica 2300 giorni, le altre scritture di Daniele indicano un periodo di 2625 giorni(1290*2+(1335-1290)). Perciò i 2300 giorni terminano al 2625° giorno. La differenza è di 325 giorni. Perciò la fine dei 2300 giorni coincide con la purificazione del santuario grazie al suggellamento dei santi. Perciò al contrario della precedente ipotesi i 325 giorni precedono il 2300° giorno. Probabilmente durante i primi 325 giorni della settimana di 2625 giorni viene stipulato il Patto,  alla fine della settimana(2580 giorni) termina il suggellamento dei santi, e conseguente liberazione dei 4 angeli, ed entro i 45 giorni seguenti(1335-1290) termina il martirio oppure avviene l’assunzione in cielo con la morte dell’ultimo santo. Perciò i 2300 giorni dovrebbero terminare al 1335° giorno, la settimana dovrebbe terminare al termine del suggellamento(2580° giorno). Ed al al 1335°giorno (2625° giorno) i santi dovrebbero essere in cielo con Gesù. Faremo finire i 2300 giorni al 1335° giorno, ed faremo iniziare i 2300 giorni 325 anni dopo la settimana o dopo l’inizio del patto, con l’inizio delle funzioni sacrificali nel Tempio, le funzioni sacrificali dovrebbero iniziare all’inizio dei 2300 giorni. Probabilmente i PRIMI 325 giorni ((1290+1335)-2300) indicano il tempo impiegato per la costruzione del Tempio dopo avere fatto il Patto.  Non dimentichiamo che al completamento del suggellamento alla fine della settimana cioè al 2580°(1290+1290) giorno probabilmente vengono  «Sciolti i quattro angeli incatenati sul gran fiume Eufràte»(sesto squillo di tromba).  Al 2300°(2625°giorno(1290+1335)) giorno si dovrebbe verificare il suono della Grande Tromba, come indicato in:

1Corinzi 15:52

in un momento, in un batter d’occhio, al suono dell’ultima tromba. Perché la tromba squillerà, e i morti risusciteranno incorruttibili, e noi saremo trasformati.

Le ipotesi sono tante, ma sembra di capire il periodo ha una durata di una settima e 45 giorni, cioè 2625 giorni, ovvero 1290(metà settimana) + 1290(metà settimana) + 45 giorni(1335-1290). Ed faremo iniziare i 2300 giorni con l’inizio delle funzioni al Tempio, cioè il Sacrifico Continuo, cioè 325 giorni dopo il Patto(2625-2300).
Resta da capire al di là delle ipotesi che durata temporale hanno gli avvenimenti descritti da Daniele 11:29,30 sino a Daniele 12:1.

Apocalisse

Da sottolineare una scrittura dell’Apocalisse 2:11:
Chi ha orecchi ascolti ciò che lo Spirito dice alle chiese. Chi vince non sarà colpito dalla morte seconda”.

Ed una serie di altre scritture tutte riferite alle chiese che specificano senza nessun dubbio che nelle chiese sono presenti solo i santi. Infatti Apocalisse 1:4-6 dice:

Giovanni, alle sette chiese che sono in Asia: grazia a voi e pace da colui che è, che era e che viene, dai sette spiriti che sono davanti al suo trono e da Gesù Cristo, il testimone fedele, il primogenito dei morti e il principe dei re della terra.
A lui che ci ama, e ci ha liberati dai nostri peccati con il suo sangue, che ha fatto di noi un regno e dei sacerdoti del Dio e Padre suo, a lui sia la gloria e la potenza nei secoli dei secoli. Amen.

Sono solo santi ed altre scritture letteralmente dicono che sono israeliti. Ed in più delle 12 tribù. Detto così la Bibbia ha tutto un senso logico da Abramo sino all’Apocalisse.

Infatti la prima parte dell’Apocalisse 1:11 parlando delle chiese dice:

«Quello che vedi, scrivilo in un libro e mandalo alle sette chiese: a Efeso, a Smirne, a Pergamo, a Tiatiri, a Sardi, a Filadelfia e a Laodicea».

Apocalisse 1:19 parte a

Scrivi dunque le cose che hai viste, quelle che sono…..

Dopo inizia la seconda parte riferita la futuro Apocalisse 1:19 parte b:

e quelle che devono avvenire in seguito…

Apocalisse 4:1

Dopo queste cose vidi una porta aperta nel cielo, e la prima voce, che mi aveva già parlato come uno squillo di tromba, mi disse: «Sali quassù e ti mostrerò le cose che devono avvenire in seguito».

Perciò abbiamo due livelli, il presente conosciuto da Giovanni, ed il futuro non conosciuto. Ed capiamo che nel presente conosciuto da Giovanni le chiese rappresentavano i santi, o meglio gli ammonimenti erano riferiti solo ai santi. E poichè il santo è senza ordine temporale, in quanto la santità non è scalfita dal secondo che passa in quanto la purezza è luce senza attrito, moto armonico eterno, gli ammonimenti erano utili ai santi di 2000 anni fa, ed ai santi di oggi, ed a tutti i santi vissuti nei secoli dei secoli, sino a quelli che vivranno alla venuta dell’Anticristo. Perciò i santi sono, sono sempre esistiti dopo la morte di Gesù, ma quello che è definito “il seguito”, sono eventi futuri, strettamente legati in particolare ai santi o meglio al loro martirio, ed anche dopo la morte dei santi anche ai testimoni di Gesù:

Apocalisse 12:17 dice…..allora il dragone s’infuriò contro la donna e andò a far guerra a quelli che restano della discendenza di lei che osservano i comandamenti di Dio e custodiscono la testimonianza di Gesù.

Gli eventi odierni bene fanno capire che siamo diretti alla profezia dell’Apocalisse che secondo DANIELE 11:29,30 dovrebbero essere gli stessi eventi, soprattutto quello di Daniele 11:31 che parla dell’Anticristo e conseguente martirio. Infatti come l’Apocalisse non parla della fine della stessa dopo il martirio così Daniele continua dopo il martirio, ed così anche Matteo…

Ulteriori dettagli sull’Anticristo

Inoltre dalla Profezia come viene descritto l’Anticristo?

  1. Stavo osservando queste corna, quand’ecco spuntare in mezzo a quelle un altro piccolo corno davanti al quale tre delle prime corna furono divelte. Quel corno aveva occhi simili a quelli di un uomo e una bocca che pronunciava parole arroganti.(Daniele 7:8)
  2. Egli parlerà contro l’Altissimo, affliggerà i santi dell’Altissimo, e si proporrà di mutare i giorni festivi e la legge; i santi saranno dati nelle sue mani per un tempo, dei tempi e la metà d’un tempo. (Daniele 7:25)
  3. E dell’uno d’essi uscì un piccol corno, il quale divenne molto grande verso il Mezzodì, e verso il Levante, e verso il paese della bellezza; (Daniele 8:9)
  4. e divenne grande fino all’esercito del cielo, ed abbattè in terra una parte di quell’esercito, e delle stelle, e le calpestò. (Daniele 8:10)
  5. Anzi si fece grande fino al capo dell’esercito; (Daniele 8:11)
  6. sorgerà un re dall’aspetto feroce, ed esperto in stratagemmi. (Daniele 8:23)
  7. La sua potenza sarà grande, ma non sarà potenza sua; (Daniele 8:24)
  8. insorgerà contro il principe de’ principi, ma sarà infranto, senz’opera di mano. (Daniele 8:25)
  9. E la visione delle sere e delle mattine, di cui è stato parlato, è vera. (Daniele 8:9)
  10. poiché delle navi di Chittim verranno contro di lui ed egli si perderà d’animo. Poi riverserà la sua ira contro il patto santo, eseguirà i suoi disegni e ascolterà coloro che avranno abbandonato il patto santo.(Daniele 11:30)
  11. Per suo ordine, delle truppe si presenteranno e profaneranno il santuario, la fortezza, sopprimeranno il sacrificio quotidiano e vi collocheranno l’abominazione della desolazione.(Daniele 11:31)
  12. Il re agirà a suo piacimento, s’innalzerà, si esalterà al di sopra di ogni dio e pronuncerà parole inaudite contro il Dio degli dèi; prospererà finché non sia finita l’ira, poiché ciò che è stato deciso si compirà.(Daniele 11:36)
  13. Nessuno vi tragga in errore in alcuna maniera; poiché quel giorno non verrà se prima non sia venuta l’apostasia e non sia stato manifestato l’uomo del peccato, il figliuolo della perdizione.(2 tessalonicesi 2:3)
  14. L’avversario, colui che s’innalza sopra tutto quello che è chiamato Dio od oggetto di culto; fino al punto da porsi a sedere nel tempio di Dio, mostrando se stesso e dicendo ch’egli è Dio.(2 tessalonicesi 2:4)
  15. Essa aprì la bocca per bestemmiare contro Dio, per bestemmiare il suo nome, il suo tabernacolo e quelli che abitano nel cielo.(Apocalisse 13:6)
  16. Le fu pure dato di far guerra ai santi e di vincerli, di avere autorità sopra ogni tribù, popolo, lingua e nazione.(Apocalisse 13:7)

Seguono alcune citazioni sull’argomento senza riporre fede in nessuna di esse, ma riporremo fede solo a quella che avrà carattere di validità universale:

  1. L’anticristo ora è un demonio, o addirittura il diavolo incarnato, ora è un puro uomo in cui Satana esplica tutta la sua potenza.
  2. La parola “anti” (proveniente dal latino) non vuol semplicemente dire “contro”, ma è inteso anche come “in sostituzione”, “al posto di…”; insomma, sta ad indicare qualcosa o qualcuno che rappresenta l’opposto equivalente (o quasi) di un determinato soggetto, che sostituisce oppure che è fortemente tendente a sostituire tale soggetto.
  3. E io vidi una delle sue teste come ferita a morte; e la sua piaga mortale fu sanata; e tutta la terra maravigliata andò dietro alla bestia; e adorarono il dragone perché avea dato il potere alla bestia; e adorarono la bestia dicendo: Chi è simile alla bestia? e chi può guerreggiare con lei?  E le fu data una bocca che proferiva parole arroganti e bestemmie e le fu data potestà di agire per quarantadue mesi. Apocalisse 13:3-5
  4. Il termine “anticristo” si trova solo nelle lettere di Giovanni (1 Giovanni 2,18-22; 1 Giovanni 4,3; 2 Giovanni 4,3).
  5. All’anticristo sembrano però riferirsi pure alcuni brani dei Vangeli dove si parla di “falsi cristi” e di “falsi profeti” (Matteo 24,24; Marco 13,6; Luca 21,8)], delle lettere paoline [dove si descrive “l’uomo dell’iniquità” (2 Tessalonicesi 2,3-10)] e dell’Apocalisse capitolo XIII.
  6. Alcune leggende giudaiche identificano infine l’Anticristo con un re misterioso (Og re di Magog), proveniente dagli estremi confini del mondo, lontano discendente della tribù di Dan (Genesi 49,17 e Geremia 8,15-17), pronto a manifestarsi prima della fine dei tempi e capace di scatenare un’offensiva terribile contro il popolo ebreo (Ezechiele 38-39).
  7. Ippolito, morto martire, tra il 202 e il 204 d.C., scrisse quello che può essere considerato il più antico commento al libro di Daniele e, tra l’altro, redasse una biografia dell’Anticristo nella quale disse che il suo nome sarà Titan o Evanthas o Latinus. Da principio <<il figlio della perdizione>> si manifesterà con falsa e ingannevole bontà <<fino al punto da porsi a sedere nel tempio di Dio, mostrando se stesso e dicendo che egli è Dio>>
  8. In proposito Ippolito scrive: E lui che, elevatosi al di sopra di tutti i re e di ogni divinità ricostruirà la città di Gerusalemme e riedificherà il tempio abbattuto, ridarà tutto il paese e i suoi confini ai Giudei il cui popolo richiamerà dalla schiavitù delle nazioni e si proclamerà loro re. E lui che gli infedeli adoreranno come dio. Essi piegheranno le ginocchia davanti a lui scambiandolo per Cristo poiché essi non comprenderanno quanto fu detto dal profeta, come egli, cioè, sia falso ed ingannatore.
  9. Perché egli, essendo in possesso di tutto il potere del diavolo, verrà non come re giusto né come legittimo re sottomesso a Dio, ma come empio, ingiusto e senza legge; come apostata, iniquo e omicida; come un bandito, che ricapitola in sé tutta l’apostasia del diavolo, rigettando gli idoli per persuadere (gli uomini) che egli stesso è Dio, elevando sé stesso come unico idolo, avendo in lui i molteplici errori degli altri idoli. “Al tempo del suo regno, l’Anticristo disporrà che Gerusalemme venga ricostruita in magnificenza, ne farà una grande e popolosa città, seconda a nessun’altra nel mondo, e ordinerà che il suo palazzo venga costruito lì”. S.Ireneo
  10. Nel racconto, lo scrittore russo sottolinea che l’essenza del falso Agnello sta <<nell’impostura religiosa, allorché‚ il nome di Cristo sarà sfruttato da tutte le potenze umane che, nelle azioni e nello spirito sono estranee e direttamente ostili a Cristo>>. Biffi, citando Soloviev, disse che tra le qualità dell’Anticristo primeggeranno: la spiritualità, la filantropia, l’ecologismo e il pacifismo. Vladimir Soloviev (1853-1900) i “Tre dialoghi” seguiti da un “Breve racconto dell’Anticristo“.
  11. Fin dai tempi antichi, è solito costituire un regno, nel quale farsi adorare come Dio. Nell’Apocalisse il regno della bestia è l’Impero Romano, che viene assunto come metafora per futuri regni dell’anticristo. I Cesari dell’Impero Romano si facevano adorare dai loro sudditi come dei. La strategia [dell’anticristo è nota: secondo le scritture si muoverà per far guerra ai santi e vincerli (Apocalisse 13, 7) e si siederà nel tempio di Dio (2 Tessalonicesi 2, 4).

  12. Un uomo di questo secolo cederà alle lusinghe dell’anticristo, cosa che non fece Gesù quando fu tentato dal diavolo, che gli promise la gloria dei regni se si fosse prostrato dinanzi (Luca 4, 1-12).

  13. Ma lo si riconoscerà per certi segni: egli sarà rivestito di tutta pompa della potenza terrestre, egli avrà la ricchezza, la gloria, gli ossequi della folla, tutti i doni apparenti dell’intelligenza. Egli ammalierà, avrà la bellezza del corpo e tutto ciò che ottiene le approvazioni della folla”.

  14. Che tra Giuda e l’anticristo intercorra uno stretto legame, osiamo dire di parentela spirituale (figli del diavolo), è il medesimo appellativo biblico che lo dimostra. Entrambi sono denominati ‘figli della perdizione’. Gesù, nella grande preghiera di oblazione, chiama Giuda come “figlio della perdizione” (Giovanni 17, 12).

  15. “L’Anticristo tenterà di dimostrare dalla Scrittura che lui è Cristo.”IV secolo, S. Ambrogio [n]“Dopo avere trascorso una giovinezza licenziosa in mezzo a uomini molto perversi e in un deserto dove ella sarà stata condotta da un demonio travestito da angelo di luce, la madre del figlio della perdizione lo concepirà e lo darà alla luce senza conoscerne il padre […]Il figlio della perdizione è questa bestia [così l’Anticristo viene rappresentato nell’Apocalisse] molto cattiva che farà morire quelli che si rifiuteranno di credere in lui; che si assocerà i re, i principi, i grandi e i ricchi; che disprezzerà l’umiltà ed avrà stima solo per l’orgoglio; che infine soggiogherà l’intero universo con mezzi diabolici.Sembrerà che egli agiti l’aria, che faccia discendere il fuoco dal cielo, produrre dei lampi, il tuono e la grandine, rovesciare le montagne, seccare i fiumi, spogliare il verde degli alberi, delle foreste e renderglielo in seguito. Sembrerà pure che egli faccia ammalare gli uomini, che guarisca gli infermi, che cacci i demoni, e talvolta resusciti i morti, facendo in modo che un cadavere si muova come se fosse in vita. Tuttavia questa specie di risurrezione non durerà mai più di un’ora, perché la gloria di Dio non ne soffra.Conquisterà molte persone dicendo loro: «Voi potete fare tutto ciò che vi piace; rinunciate ai digiuni; è sufficiente che voi mi amiate, che sono il vostro Dio».

    Mostrerà loro dei tesori e delle ricchezze e permetterà che essi si abbandonino ad ogni specie di festini, come essi li vorranno. Li obbligherà a praticare la circoncisione e parecchie osservanze giudaiche, dicendo loro: «Colui che crederà in me riceverà il perdono dei suoi peccati e vivrà con me eternamente».

    Respingerà il battesimo ed il Vangelo e deriderà tutti i precetti che la Chiesa ha dato agli uomini per conto Mio.

    Poi dirà ai suoi partigiani: «Colpitemi con un gladio, e mettete il mio corpo in un lenzuolo pulito fino al giorno della mia resurrezione».

    Si crederà di avergli realmente procurato la morte e, da parte sua, egli farà finta di risuscitare, dopo di che […] egli comanderà ai suoi servitori di adorarlo. Quelli che, per amore del Mio Nome, rifiuteranno di rendere questa adorazione sacrilega al figlio della perdizione, egli li farà morire in mezzo ai più grandi tormenti.

    Ma Io invierò i Miei due testimoni, Enoch ed Elia, che ho riservato per quel tempo. La loro missione sarà di combattere quest’uomo del male, e di ricondurre nella via della verità quelli che egli avrà sedotto. Essi avranno la virtù di operare i miracoli più strepitosi in tutti i luoghi nei quali il figlio della perdizione avrà diffuso le sue cattive dottrine. Permetterò che questo malvagio li faccia morire, ma darò loro in Cielo la ricompensa per le loro opere.

    Quando il figlio della perdizione avrà compiuto tutti questi progetti, egli radunerà i suoi credenti e dirà loro che egli vuole salire in cielo. Nel momento stesso di questa ascensione, un colpo di fulmine lo abbatterà e lo farà morire.

    La montagna dove egli si sarà stabilito per operare la sua ascensione, sarà immediatamente coperta da una nube che diffonderà una corruzione insopportabile e veramente infernale; cosa che, alla vista del suo cadavere coperto di putredine, aprirà gli occhi ad un gran numero di persone facendogli riconoscere il loro miserabile errore.

    Dopo la triste sconfitta del figlio della perdizione, la sposa di Mio Figlio, che è la Chiesa, brillerà di una gloria senza eguali e le vittime dell’errore si affretteranno a rientrare nell’ovile.

    Quanto a sapere in quale giorno, dopo la caduta dell’Anticristo, il mondo dovrà finire, l’uomo non deve cercare di conoscerlo: non potrebbe riuscirci. Il Padre se n’è riservato il segreto.”

    XII secolo, messaggio di Dio a Santa Ildegarda [e2]

    “Il figlio della perdizione verrà quando il giorno volge a termine e il sole tramonta, cioè quando arriverà la fine dei tempi e il mondo perderà la sua stabilità”

    XII secolo, profezia di Santa Ildegarda [n]

    “Verso la fine del mondo, l’Anticristo rovescerà il Papa e usurperà la sua Sede.”

    XII secolo, il Beato Gioacchino da Fiore [c, z]

    “Sarà un vero uomo [l’Anticristo], ma talmente orgoglioso che non solo desidererà avere un completo dominio su tutto il mondo, ma esigerà persino di essere chiamato Dio e insisterà nel ricevere un’adorazione divina…

    Ancora una volta l’Anticristo rivolgerà i suoi attacchi contro le persone semplici che sono tanto gradite a Dio, poiché i loro cuori si rivolgono a Lui in rettitudine di intenzione. Si servirà della magia e produrrà apparizioni reali in apparenza che tuttavia non saranno altro che dei semplici trucchi. Farà scendere il fuoco dal cielo e farà parlare le immagini, perché i demoni potranno muovere le loro labbra…

    …l’Anticristo compirà altri prodigi, grazie al potere dei demoni, e questi saranno veri miracoli secondo la natura delle cose in sé, ma falsi secondo la definizione di miracolo. Perché egli farà sì che le immagini di bambini di un mese parlino. I seguaci dell’Anticristo interrogheranno queste statue di bambini, ed esse daranno risposte circa questo sovrano che è venuto negli ultimi tempi, affermando che egli è il salvatore. Il diavolo muoverà le loro labbra e produrrà le parole che essi pronunceranno quando dichiareranno che l’Anticristo è il vero salvatore del mondo; e in questo modo egli causerà la distruzione di molte anime.

    …cercherà di sedurre i sapienti, come per esempio i maestri e i dottori della legge civile e canonica, che possono spiegare e afferrare le prove delle cose. L’Anticristo li stregherà, usando gli argomenti più sottili, i ragionamenti più convincenti, per far rimanere questi sapienti senza parole e incapaci di trovare risposte. Non è difficile comprendere come questo sia possibile, poiché il diavolo tiene già le loro anime nelle catene del peccato; perché quanto maggiore sarà la loro sapienza tanto più gravata sarà la loro coscienza se non la seguono…

    Il rimedio per questo stato di schiavitù è la fede che segue la semplice obbedienza e non le argomentazioni o i ragionamenti. Le argomentazioni possono essere buone per rafforzare l’intelligenza ma non sono il vero fondamento della fede. Coloro la cui fede poggia sulla ragione la perderanno quando sentiranno i ragionamenti capziosi dell’Anticristo. Quelli che al contrario si affidano a una fede fondata sull’obbedienza risponderanno: «Via da me con i tuoi argomenti! Questi ragionamenti non sono il fondamento della mia fede».

    I signori temporali e i prelati ecclesiastici, per paura di perdere il loro potere o la loro posizione, saranno dalla sua parte, perché non ci saranno né re né prelati senza che egli lo voglia.”

    Profezia del XIV secolo, San Vincenzo Ferrer [n]

    “…Sua madre [dell’Anticristo; N.d.R.] sarà una donna maledetta, che fingerà di essere ben informata sulle questioni spirituali, e suo padre sarà un uomo maledetto dal cui seme il diavolo darà forma alla sua opera. Il tempo di questo Anticristo, che io ben conosco, arriverà quando l’iniquità e l’empietà abbonderanno oltre ogni limite, quando l’ingiustizia avrà colmato la misura fino a traboccare e la malvagità sarà cresciuta fino a proporzioni smisurate… Egli regnerà durante tre anni, e dominerà su tutta la terra…”

    XIV secolo, profezia di Santa Brigida di Svezia [c, n]

    “L’umanità non si sarà mai trovata ad affrontare un tale pericolo, perché il trionfo dell’Anticristo sarà quello del demone che avrà preso possesso della sua personalità. Perché è stato detto che, venti secoli dopo l’Incarnazione del Verbo, la Bestia si incarnerà a sua volta e minaccerà la terra con tanti mali quante sono le grazie portate dall’Incarnazione. Verso l’anno 2000 l’Anticristo verrà reso manifesto. Il suo esercito supererà in numero qualsiasi cosa si possa immaginare. Fra le sue schiere ci saranno cristiani, e ci saranno maomettani e soldati pagani fra i difensori dell’Agnello.”

    1600, profezia di Fra’ Johannes [d, o]

    “L’Anticristo verrà come Messia da una terra fra due mari, in oriente. Nascerà nel deserto; sua madre sarà una prostituta…; sarà un profeta falso e menzognero e cercherà di salire al cielo come Elia. Inizierà la sua opera in oriente, come soldato e predicatore religioso, quando avrà trent’anni.

    L’Anticristo con il suo esercito conquisterà Roma, ucciderà il Papa e ne prenderà il trono. Restaurerà il regime turco distrutto dal Grande Monarca. Gli ebrei, sapendo dalla Bibbia che Gerusalemme sarà la sede del Messia, verranno da ogni dove e accetteranno l’Anticristo come Messia. Egli sarà capace di volare. Il suo volo inizierà dal Monte Calvario. Egli dirà alle folle che sta inseguendo Enoch ed Elia [che a quel tempo saranno ritornati sulla terra; N.d.R.] per ucciderli di nuovo.”

    XVII secolo, profezia del Ven. Bartolomeo Holzhauser [c, o]

    “Un giorno il Signore mi disse: «Pochi anni prima della venuta del mio nemico, Satana farà sorgere falsi profeti che annunceranno che l’Anticristo è il vero Messia e cercheranno di distruggere tutte le nostre credenze cristiane…».”

    XVIII secolo, messaggio di Gesù a Suor della Natività, Fougères Francia [d, n]

    “Persino prima di avere dieci anni di età sarà più potente e sapiente degli altri uomini e, dalle sue azioni, sarà evidente che possiede genio, spirito e abilità superiori alle altre persone. La pienezza della sua potenza si manifesterà quando avrà raggiunto l’età di trent’anni, a quel tempo inizieranno le sue gesta eroiche più importanti”

    Profezia del XVIII secolo di Suor della Natività, Fougères Francia [n]

    “…il vero ed estremo abominio della desolazione si compirà pienamente durante il regno dell’Anticristo che durerà circa tre anni e mezzo. Sventura, sventura, sventura sull’ultimo secolo che sta per arrivare! Quali tribolazioni precederanno il suo inizio. L’Anticristo ucciderà il Papa, probabilmente per crocifissione. Da bambino, a dieci anni, saprà più di chiunque altro nel mondo e quando avrà trent’anni incomincerà la sua vera opera…”

    Profezia del XVIII secolo di Suor della Natività, Fougères Francia [c]

    “Ci sarà una Terza Guerra Mondiale e sarà iniziata da un uomo che indossa il turbante della fede, un musulmano. Sarà un anticristo messo sulla terra da Lucifero. Ma quando questo avrà portato a termine la sua opera ne sorgerà uno ancora più potente in Siria. Egli causerà distruzione e dolore. Causerà grande afflizione, lacrime e una grande persecuzione dei cristiani. La terrà tremerà a causa dei terremoti. Egli sarà un grande dominatore al servizio di Satana. Dopo seguiranno molti anni di guerra”. “Quanti anni?” – chiede Eileen; Dio Padre risponde: “Quindici. Dopo quindici anni ci sarà una grande pace… La terra del terrore cadrà ai piedi di Maria. Il suo manto azzurro li oscurerà, i rossi si riverseranno nel mare e, coperti da questo manto, si uniranno al mondo libero nella pace e nell’armonia. E allora ci sarà una lunga, lunga pace, più lunga di qualsiasi altra che ci sia mai stata sulla terra”.

    Riguardo all’Anticristo, Eileen ha detto: “Gesù mi ha mostrato che ha dei baffi, capelli scuri e indossa un turbante”

    20 Febbraio 1982, messaggio di Dio Padre a Eileen George, Worcester (USA) [c]

    “E quella persona malvagia col turbante? La sua prima azione sarà contro di noi?…” – chiede Eileen; Dio padre le risponde: “Riguarderà New York…”

    28 Febbraio 1982, messaggio di Dio Padre a Eileen George, Worcester (USA) [c]

    “…Non ci sarà niente da mangiare. Una grande scarsità di petrolio. Niente riscaldamento. La guerra non verrà che dopo, perché combatteremo per il petrolio. Allora l’Anticristo sorgerà dalla razza maomettana, sarà un musulmano. Avrà un turbante. La gente lo chiamerà «l’occhio di Satana». E’ giovane. Prima verrà la carestia, tra il 1990 e il 1999. E poi inizierà una grande guerra…Mio Padre ha detto che questa persona sta già programmando queste cose…Stanno costruendo armi… Sarà collegato ai russi, i comunisti. Sarà un anticristo…Ha indossato una veste lunga. Sarà molto intelligente e ben equipaggiato per la guerra nucleare…Sarà peggiore di Hitler. Questo musulmano lancerà contro di noi dei missili. I nostri radar li individueranno e i nostri missili li intercetteranno. Ma alcuni sfuggiranno e colpiranno la città di New York.”

    28 Febbraio 1982, la mistica Eileen George, Worcester (USA) [c]

    Note: gli anticristi di cui parla Eileen George in queste profezie con molta probabilità faranno la loro comparsa prima dell’Era di Pace e saranno dei precursore dell’Anticristo vero e proprio (il quale invece arriverà dopo l’Era di Pace)

    “…Il quarto segno è l’orribile sacrilegio perpetrato da colui che si pone contro Cristo, cioè l’Anticristo. Egli entrerà nel sacro tempio di Dio e siederà sul Suo trono, e si farà adorare come se fosse Dio. Un giorno vedrete nel luogo santo colui che commette l’orribile sacrilegio…”

    31 Dicembre 1992, messaggio della Madonna a don Stefano Gobbi [c]

    “Il mondo deve prepararsi a resistere agli attacchi della Bestia. E’ pronta la grande tribolazione e il mondo piangerà lacrime di sangue… Lontano da me, la maggior parte delle nazioni si consegnano alla Bestia, perché questa – aborto di natura di Satana – lusinga gli uomini come in principio: facendogli credere che, liberi dall’ostacolo dei comandamenti, possono agire liberamente, con la prospettiva di diventare essi stessi degli dei.”

    9 gennaio 1996, messaggio di Gesù a Catalina Rivas, Bolivia [m]

    Note: In questo messaggio non è chiaro se la “Bestia” di cui parla Catalina Rivas è l’Anticristo o uno dei suoi precursori. Potrebbe trattarsi di un precursore che farà la sua comparsa prima dell’Era di Pace.

    “Scrivi, figlia Mia, non ometteremo niente in questa ora di agonia nella quale il mondo quasi non è mondo ma piuttosto l’anticamera dell’inferno…

    Quando esploderà la collera divina e l’impero delle bestie avrà reso possibile la depravazione finale, sorgerà quel figlio delle tenebre. La sua insolenza, la sua astuzia, la sua potenza piena di vigore, posta in atto, riuscirà, attraverso il malefico potere che gli è stato dato, a distruggere e ad annientare i potenti e con essi i fedeli che credono in Me e in Me confidano.

    Con l’inganno, il suo ingegno farà sì che la menzogna sembri verità, ottenendo quel che si prefigge.

    Questo figlio dell’iniquità, aborto di natura di Satana, ha tutta la sua diabolica intelligenza in azione. Le sue parole risuonano nel mondo, specialmente la sua dottrina sulla terra. E’ il suono sottile che riempie tutti gli spazi, portando nei cuori l’avvento di questa era di terrore e di malvagità.

    Questo essere è, come un occulto strumento di astuzia e di inganno, una potente macchina che muove gli uomini rovinandoli e conducendoli all’errore e alla confusione.

    Vive nascosto, è come se tutto fosse soltanto: occhi che guardano il mondo, bocca che pronuncia parole che confondono e seducono le menti umane, facendo sì che si precipitino verso la loro perdizione.

    Sarà il peggiore di tutti. Condurrà l’esercito più crudele e barbaro della terra. Schiaccerà nazioni. Annienterà le stesse nazioni che ascoltarono la sua voce e seguirono le sue parole.

    Il suo potere crescerà fino al mezzogiorno; arriverà fino al paese dove pascolano le Mie greggi. Il Mio esercito di pace sarà in parte distrutto e il Santuario demolito. Giungerà a Roma. Lui e il suo esercito profaneranno il luogo Santo e sarà abolito il sacrificio. Nella sua superbia, con il cuore pieno di odio, commetterà l’azione più mostruosa, spingendosi fin dove sta il Papa, cercando di innalzarsi.

    Allora, senza che intervenga mano d’uomo, sarà distrutto, perché gli sarà tolto tutto il potere per sempre. Accadrà questo e poi, l’avvento del Mio Regno che sarà un impero eterno… Tutti i popoli della terra saranno governati dalla Mia Legge…

    (Nella mia mente vedo un orologio rotondo, bianco con numeri romani in nero. Le lancette segnano le 11:50-51 [qui sta parlando Catalina; N.d.T.])”

    11 gennaio 1996, messaggio di Gesù a Catalina Rivas, Bolivia [m]

    Note: In questo messaggio non è chiaro se il “figlio delle tenebre” di cui parla Catalina Rivas è l’Anticristo o uno dei suoi precursori. Potrebbe trattarsi di un precursore che farà la sua comparsa prima dell’Era di Pace.

    “Il Papa vedrà la distruzione di Roma e del Vaticano, calpestato e depredato, e soffrirà come Padre della Cristianità. Dalle sue labbra uscirà un anatema contro coloro che, dimenticando la loro fede, si uniranno alla Bestia.”

    14 gennaio 1996, messaggio di Gesù a Catalina Rivas, Bolivia [m]

    Note: In questo messaggio non è chiaro chi o cosa sia la “Bestia” di cui parla Catalina Rivas. Potrebbe trattarsi dell’Anticristo oppure di un precursore che farà la sua comparsa prima dell’Era di Pace.